Territorio e Storia

INFORMAZIONI SUL TERRITORIO

Panorama

Superficie: Kmq 22,45
Altitudine: 678 m(capoluogo)
Altezza minima: 569 m
Altezza massima: 2.126 m
Distanza da Torino: km 51
Densità: 12,5 abitanti
 

Il Comune deriva il suo nome dall'antica denominazione "Praum Molle", ad indicare un territorio umido e cedevole dove abbondano le sorgenti, che si riversano nell'alto vallone del Risagliardo, che a San Germano confluisce con il Chisone. Il solco vallivo è stretto al suo imbocco, e poi si distende a ventaglio tra il Castelletto della Vaccera, il Grand Truc e la dorsale di Inverso Pinasca.

Molte sono le borgate sparse sui due versanti del Risagliardo, tanto che non esiste un capoluogo vero e proprio, anche se il Municipio si trova nella piccola borgata di Luisse. Il Comune, che ha caratteristiche prettamente montane, con vasti boschi e pascoli, fu soppresso nel 1928 per unirsi a quello di San Germano, e divenne nuovamente autonomo nel 1954. Il suo stemma, che richiama l'antico nome latino della località, raffigura il piccone e la vanga, simboli delle attività locali: il lavoro agricolo e quello minerario.

La zona è ricca di incisioni rupestri (Roccho Clapìe - Roccho Vellho ecc.) di cui vanta alcuni reperti fra i più importanti del pinerolese.

Il territorio comunale ha legato alcuni secoli della sua storia alle vicende dei Valdesi: celebri sono la sua conversione in massa alla religione riformata nel 1573, e nel 1686 la calata del generale Catinat attraverso le pendici del Lazzarà, che mise a ferro e a fuoco il vallone. Un tempo nella zona erano attive alcune miniere di grafite, di cui restano ancora alcuni imbocchi di gallerie, qualche baracca di minatori e il complesso estrattivo di Siassera - Vasèt.

A Rue si trova la Chiesa della Natività di Maria Vergine, a pianta poligonale e facciata neoclassica, a Ruata il Tempio valdese con il suo bel porticato. Una scuoletta Beckwith in borgata Pellenchi è la sede del Museo Valdese, che documenta la storia dell'istruzione nelle scuole valdesi della zona.

Fra le peculiarità della zona non va dimenticato il famoso formaggio "sarass" del fieno prodotto negli alpeggi.


Pramollo, ieri e oggi

Panorama

Orientato all'incirca da est verso ovest, con una forma assimilabile ad un rombo con i vertici al Castello della Vaccera, al Gran Truc, sulla dorsale che lo separa da Inverso Pinasca e, verso il basso, nel profondo imbocco incombente sull' abitato di San Germano Chisone.

Geograficamente così si presenta il vallone di Pramollo, con i fianchi scoscesi a raggiungere, dai 569 metri di Rue, le dorsali della Vaccera, della Gardetta e del Laz Arâ, con la punta del Gran Truc a 2300 metri come massima altezza.

È un ambiente severo, con estati normalmente poco calde e di breve durata, stagioni intermedie umide e sovente nebbiose, con inverni lunghi, dalle abbondanti precipitazioni nevose. Queste caratteristiche, unite alla chiusura naturale dei valichi verso più importanti luoghi, sicuramente hanno condizionato l'evolversi della vita per gli abitanti togliendo, con l'esiguità della terra disposta ad essere lavorata, la "facilità", e chiedendo in tenacia, durezza e pazienza le caratteristiche necessarie agli abitanti, come in tante altre realtà alpine, alla sopravvivenza. Una ricchezza sola è di questa terra, l'acqua, che contribuì a darle l'antico come latino di "Praum Molle". Le numerose sorgenti, su tutti i versanti, hanno consentito in passato un certo sviluppo all'allevamento del bestiame, alla lavorazione del latte con la produzione di latticini, in particolare della ricotta, "seiras", nota da secoli.

Pramollo, certamente abitato fin da epoche remotissime come tutte le regioni pedemontane di qua e di là delle Alpi, è stato oggetto di ricerche archeologiche negli anni' 990 da parte del CeSMAP, Museo Civico di Archeologia e Antropologia di Pinerolo, d'intesa col Ministero per i Beni Culturali-Soprintendenza Archeologica del Piemonte, scavi che hanno messo in luce le stratigrafie accumulatesi attorno al sito di Roccio Vellho, riscontrando una frequentazione umana preistorica risalente allEtà del Rame, III millennio a.C. I ritrovamenti di complessi importanti di incisioni rupestri a "Roccio Clapier" a poca distanza dall'abitato dei Sapiatti, a "Cialvet" sul crinale del Laz Arâ e nella zona del Lausun possono esserne testimonianza. E poi, per brevità, i Liguri, i Celti, e una successiva romanizzazione che, unita al cristianesimo attraverso i secoli e con l'uso della lingua latina quale mezzo di comunicazione, ha permesso la conservazione ad oggi del nome della località "Pratum molle", appunto.

Il più antico documento che menzioni Pramollo sembra essere nella donazione della marchesa Adelaide all'abbazia di S. Maria di Pinerolo, attuale Abbadia Alpina, datato 1064. Certo è che la collocazione sotto una giurisdizione ecclesiastica avrà per l'intero vallone conseguenze diverse rispetto alle comunità vicine quali la Val Pellice. I primi Valdesi, nel Pinerolese verso il 1200, provocarono la reazione da parte della chiesa ufficiale e già nel 1312, a Pinerolo ebbe luogo il supplizio di una donna accusata di "valdesia". Certo Pramollo non fu esente da questo nuovo movimento religioso, ma essendo terra ducale, non fu toccato dalle grandi persecuzioni che raggiunsero la Val Chisone, in particolare Pragelato e le vicine valli francesi Argentière, Vallouise e Freissinière.

Tempio_Valdese

Pramollo passò poi i successivi due secoli in relativa tranquillità forse perché non si erano avute manifestazioni di dissidenza tali da giustificare repressioni. Nell'accordo di Cavour del 1561, non essendovi menzionato Pramollo, può ritenersi fosse un'isola rimasta cattolica, attorniata da comunità che hanno tutte aderito alla Riforma: il vallone di Riclaretto, Inverso Pinasca, Angrogna, Roccapiatta, San Germano.

In tale periodo la comunità e la chiesa, visitate da un religioso dell' Abbazia S. Maria, Giovanni de Martinis, funzionavano, ed il visitatore rilevò che la chiesa, pur con ornamenti poveri, aveva due altari.

La conversione alla Riforma nel 1573, in seguito ad una disputa, pose alla guida spirituale del vallone il pastore Francesco Garino, in sostituzione al parroco Sincero Biglione e, da tale data, la storia di Pramollo è del tutto simile alle vicine comunità riformate delle Valli.

Questa adesione comporterà, durante il XVII secolo, una drammatica serie di conseguenze. L'ordine di demolizione dei templi interessa anche Pramollo, che avendone costruito uno nella zona dei Dormigliosi, mette in opera uno sbarramento nella zona ancor oggi chiamata della "Barricata", riuscendo ad impedire l'ingresso nel vallone ai soldati. Ma il tempio sarà, poco tempo dopo, comunque demolito.

Poi è la peste, attorno al 1630, con le sue terribili distruzioni, ad interessare la comunità e la morte di 11 su 13 predicatori nelle Valli, farà affluire ministri di origine svizzera cosicché da allora e fino agli inizi del XX secolo, tutti gli scritti e le predicazioni saranno in francese. Ed è nel 1686 che le truppe francesi alleate di Vittorio Amedeo e guidate dal Catinat, passando attraverso il colle Laz Arâ, prendono possesso del vallone dove nell'aprile, a Pomeano, vengono trucidate oltre 200 persone, in maggioranza donne e bambini, ivi rifugiatesi.

Poi le truppe proseguono per il colle Vaccera verso la Val Pellice. Costretti all' esilio, i valdesi del vallone vengono sostituiti da famiglie cattoliche provenienti in massima parte dalla Savoia ma, già nel 1689, essi ritornano guidati da Enrico Armaud, sorprendono il presidio sabaudo di un centinaio d'uomini, annientandolo.

Per tutto il secolo è ancora guerra: prima con la Francia, poi per la successione di Spagna e solo con il XVIII secolo la vita della comunità pare avviarsi ad una relativa tranquillità. Con il 1848 e l'editto di Carlo Alberto, si chiude la pagina dell'intolleranza religiosa, ed i due nuclei valdese e cattolico raggiungono i massimi valori della popolazione. Nella parte bassa, a Rue, su progetto di Tommaso Onofrio, architetto della Real Casa, viene costruita la splendida chiesa della Natività di Maria Vergine inaugurata il 29 dicembre 1843, che conserva in parte (pulpito, battesimale e campana) gli arredi che furono della chiesa di Ruata venduta ai valdesi. Anche la componente valdese inaugura nel 1845 la sua nuova chiesa a Ruata,di forma circolare con 6 colonne doriche a sostenere un frontone triangolare orientato a valle.

Ma problemi di stabilità del terreno ne consigliarono quasi immediatamente la demolizione e la successiva ricostruzione a breve distanza dove essa è oggi. Inaugurata il 15 agosto 1888,conserva in parte l'ordinanza architettonica della precedente con all'interno il pulpito riccamente scolpito,oggi in uso. Per la sua posizione intermedia tra le valli Pellice e Germanasca, durante la seconda Guerra Mondiale, Pramollo è ancora teatro di scontri,che culminano nel novembre del 1944con l'uccisione di 5 partigiani delle formazioni di Giustizia e Libertà in località Ticiun. Torna la pace, ma le condizioni di isolamento dovute alla mancanza di strade carrozzabili,continuano purtroppo fino al 1963, anno in cui finalmente diventa possibile raggiungere Ruata con le autovetture.

E da quel momento, grazie all'impegno degli abitanti, tutte le borgate vengono raggiunte dalle strade oggi totalmente asfaltate.

Il Comune raggiunge la punta massima di residenti nel 1861 con 1532 abitanti, ma da tale data è un continuo ridursi, mentre l'industria assorbe sempre più il flusso migratorio prima orientato verso le Americhe e trasforma in pendolari le forze attive della comunità che si trovano a dover affrontare giornalmente spostamenti onerosi anche in termini di tempo. Le scuole valdesi, vanto nel secolo scorso del territorio (nel 1924 erano ancora undici), sono state man mano chiuse e gli studenti, oggi nuovamente più numerosi, raggiungono a seconda dei gradi, San Germano, Villar, Pinerolo o Torino.

Con un'estensione di oltre 22 km quadrati, il comune dispone oggi di una rete viaria di oltre 47 chilometri, con le problematiche che il severo ambiente montano comporta. La realtà vera di oggi è ancora legata agli uomini, a quanti vogliono trovare ragioni per continuare a vivere questa terra. La ricostruzione nel 1954 del Comune, accorpato in passato dal regime fascista a San Germano, ne è prova tangibile; la costruzione di infrastrutture sportive a Rue, Ruata e Pomeano dimostra quanto attaccamento alle origini sia presente; l'inserimento di nuovi nuclei famigliari indica la volontà, anche dei giovani, di rimanere, di proseguire, di non abbandonare.

Renato Ribet

Bibliografia

  • G. TOURN, I Valdesi, la singolare vicenda di un popolo chiesa, Claudiana, Torino.
  • E. BALMAS, Pramollo 1975, Società di Studi Valdesi, Torre Pellice.

Luoghi storici

Pomeano.

Il vallone di Pramollo, stretto ed impervio, posto tra la val S. Martino e la val di Angrogna, durante le guerre di religione fu per i Valdesi della zona un rifugio sicuro. Nel 1686, durante l'eroica difesa di S. Germano, le truppe del generale Catinat riuscirono ad aggirare i trinceramenti del luogo (Lâ Baricadda) salendo le pendici del colle Laz Arâ dalla val S. Martino, che già si era arresa. I valligiani si erano rifugiati sulle alture di Pomeano, una vera roccaforte posta a 1003 m, ma furono lo stesso costretti alla resa. I soldati francesi incendiarono molti villaggi e uccisero donne e bambini. Durante la Resistenza, Pomeano divenne un luogo di rifugio per i partigiani, che qui avevano una loro base.

Scuole Beckwith

Scuole Beckwith

di Bosi, Bocchiardi, Ciaurenchi, Clotti, Pellenchi (Museo), Pomeano, Tornini.
Nel vallone di Pramollo, assai adatto alla guerra per bande, operava una formazione G .L. guidata da Giovanni Costantino e suddivisa in numerose squadre. La zona, data la sua posizione intermedia, divenne un nodo importante per i collegamenti tra la val Pellice e la val Germanasca e subì per questo motivo parecchi rastrellamenti ed incendi. Uno dei compiti prioritari affidato ai partigiani della zona era il sabotaggio alla linea tranviaria Pinerolo-Perosa, che trasportava principalmente operai e materiale della Riv di Villar Perosa.

 

 

Gardalin

(1250 m). Nel mese di giugno del '44 un gruppo di tedeschi, saliti verso Roccho Véllbo, sopra il Plan del Coulét, avvistarono un partigiano che, seppur ferito, riuscì a fuggire. Giunti ai Gardalin appiccarono il fuoco alle malghe credendo che fosse ivi nascosto.

Lâz Aira

Lâ Aira

(1200 m). In località Lâ Aira, nei pressi della borgata Ribetti, i tedeschi bruciarono alcune miande per rappresaglia. I partigiani erano riusciti a scappare grazie ad una staffetta che li aveva avvisati in tempo.

 

 

Ticioun

(1010 m). L'11 novembre 1944, in località Ticioun, un luogo ben nascosto e protetto dalle rocce a valle del villaggio di Pomeano, presso una baita costruita sotto una roccia e occupata dai partigiani, avvenne un duro scontro a colpi di bombe a mano tra un gruppo di partigiani e una trentina di nazifascisti, guidati probabilmente da una spia e da un partigiano prigioniero che portava le munizioni. Un civile venne ucciso lungo il percorso, cinque partigiani caddero sul posto, uno fu preso prigioniero e la baita fu incendiata.
Il luogo, che conserva ancora i ruderi della baita, è accessibile dalla Strada Provinciale in località Pellenchi seguendo a piedi un viottolo in discesa.

Roccho Clapìe

(1500 m). Monumento imponente sito sulla destra orografica del torrente Risagliardo, di fronte a Roccho Vëllho e punto di intersezione di tre itinerari.
Presenta su un'area di 24 mq oltre 700 incisioni di epoca differente: coppelle emisferiche raggruppate o disposte geometricamente, segni cruciformi, simboli solari, canaletti, asce, che fanno di questa roccia uno dei complessi monumentali più importanti delle Alpi Occidentali, studiato a fondo dal CeSMAP negli anni '70.

Traduttore automatico

Italian English French

La bussola della Trasparenza

bussola-report

 

Calcolo IMU

calcoloiuc2016

Gallerie Fotografiche

Link utili

Accessibilità

Valid XHTML 1.0 Transitional

 

CSS Valido!

Area Riservata